B. Braun con Marco Rossato per superare i limiti della disabilità

Ricerca rapida di prodotti

Selezionare una categoria o una sottocategoria

B. Braun con Marco Rossato per superare i limiti della disabilità

Si è concluso a Genova in occasione del Salone Nautico il progetto TRI SAIL 4 ALL, l’impresa velica di Marco Rossato, il velista disabile che si è cimentato nella circumnavigazione in solitaria dell’Italia a bordo di un trimarano.

Il progetto, che B. Braun ha entusiasticamente sostenuto dall’inizio, nasce dall’idea e dalla volontà di Marco e dell’Associazione I Timonieri Sbandati, con tre obiettivi: rilevare e verificare l’accessibilità dei porti italiani alle persone disabili, diffondere i principi della convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità e lottare per una patente nautica uguale per tutti dove non ci siano restrizioni e limiti.

“Abbiamo sposato il progetto non appena ne abbiamo avuto conoscenza” racconta Mauro Rossi Espagnet, Direttore della Divisione B. Braun OPM. “E’ ormai ampiamente dimostrato che l’attività velica abbia caratteristiche tali da considerarsi terapeutica in una varietà di situazioni tra cui anche le disabilità. Promuove il lavoro di squadra e la consapevolezza di sé nel gruppo, incentiva al pensiero e azione veloce, in relazione con gli elementi naturali e a contatto con la meraviglia del mare. Partecipare attivamente a questo progetto, contribuendo a rendere la vela più accessibile a tutti, soprattutto ai ragazzi con disabilità, è stato un onore oltre che un impegno doveroso per chi come noi opera in questo campo”.

Dopo quasi 5 mesi di navigazione, oltre 60 tappe in altrettanti porti italiani e un grande numero di eventi di sensibilizzazione organizzati nei porti durante il viaggio, Marco Rossato è finalmente giunto a Genova all’alba del Salone Nautico accolto da un pubblico emozionato. La sua impresa, tra difficoltà e momenti di gioia, ha infatti dimostrato che se la navigazione viene fatta con professionalità, chiunque può vivere il mare e per questo la patente nautica dovrebbe essere uguale per tutti. Se le imbarcazioni sono accessibili e dotate dei dovuti ausili possono, infatti, essere condotte in totale autonomia.

Altro impegno portato avanti dal progetto di Marco è la sensibilizzazione, pensata soprattutto per i più giovani, sul tema dell’inquinamento del mare, in particolar modo sulla plastica sommersa, problema serio che sta affliggendo mari e oceani creando delle vere e proprie emergenze e devastazioni.

“Abbiamo seguito Marco sin dall’inizio e l’arrivo finale a Genova ci ha reso orgogliosi di aver partecipato a questa impresa davvero grande” commenta Rossi Espagnet. “Questo progetto è un esempio concreto dell’impegno di B. Braun per migliorare la vita delle persone e in particolare per migliorare la qualità di vita delle persone disabili, aiutandole a superare le barriere e realizzare i propri sogni”.  

Siamo convinti che il suo messaggio sia forte e dimostri ciò in cui crediamo: che uno sport come la vela sia un aiuto concreto per superare barriere fisiche ed emozionali per chi è disabile ed è un’attività da sostenere” ha detto Rossi Espagnet.

Vedi qui tutta la storia di Marco!

Contatti per la stampa

Laura Giroli
Communication & Event Manager
Via Vincenzo da Seregno, 14
20161 Milano
Italia
Claudia Sartori
Sartori Comunicazione & PR
Ufficio Stampa
Via Copernico, 38
20125 Milano
Italia