opzioni terapeutiche

Ricerca rapida di prodotti

Selezionare una categoria o una sottocategoria

Possibili opzioni terapeutiche

Le modifiche dello stile di vita e/o l’assunzione di farmaci per trattare altri fattori di rischio può spesso ridurre l’influenza dei fattori genetici e prevenire lo sviluppo di coronaropatia, anche negli anziani.

Il trattamento della coronaropatia può comprendere uno o più tra:

Modifiche dello stile di vita

  • Dieta sana per prevenire o ridurre l’ipertensione e l’ipercolesterolemia e per mantenere il peso corporeo nella norma.
  • Attività fisica o allenamento regolari (consultare un medico prima di cominciare).
  • Smettere di fumare ed evitare l’esposizione al fumo passivo.
  • Gestione efficace dello stress.

Farmaci

  • Ridurre il "carico di lavoro" del cuore e i sintomi della coronaropatia.
  • Ridurre e tenere sotto controllo il colesterolo e la pressione sanguigna.
  • Prevenire i coaguli di sangue.
  • Prevenire o ritardare la necessità di procedure mediche.

Il colloquio con un medico aiuterà a comprendere meglio i possibili trattamenti medici adeguati.

Procedure mediche

  • L’angioplastica è un intervento che consente di dilatare le arterie coronariche ostruite o ristrette. Un tubo sottile con un palloncino o altro dispositivo all’estremità viene fatto passare attraverso il vaso sanguigno fino a raggiungere l'arteria coronarica ostruita o ristretta. Una volta in sede, il palloncino viene gonfiato per spingere la placca all’esterno e comprimerla contro la parete arteriosa. In questo modo si dilata l’arteria e si ripristina la circolazione sanguigna.
  • Nell’innesto di bypass aortocoronarico, comunemente noto come intervento di bypass, le arterie o le vene di altre aree del corpo sono utilizzate per “bypassare” le arterie coronariche ristrette.
  • Una piccola rete tubolare (stent) ricoperta da un farmaco (Sirolimus, un antibiotico che inibisce la crescita cellulare incontrollata) viene posto nell’arteria per mantenerla dilatata dopo l’intervento (stent a rilascio di farmaco, in inglese drug eluting stent o DES). Tuttavia, studi hanno dimostrato che il DES è efficace solo nel breve periodo è che il 5-25% dei pazienti trattati con stent a rilascio di farmaco mostra segni di effetti collaterali dovuti alla procedura e restenosi o nuovo restringimento delle arterie dopo 6 mesi.
  • Il pallone a rilascio di farmaco (DCB-Drug Coated Balloon) è una possibile alternativa al DES per il trattamento di particolari forme della malattia coronarica. Il DCB permette il trasporto e rilascio del farmaco direttamente dal palloncino coronarico stesso, eliminando così l'impianto permanente della struttura metallica dello stent. Il DCB è caratterizzato da una matrice di trasporto del farmaco bioassorbibile e priva di polimero, che ne assicura la stabilità impedendone il dilavamento precoce.

Il colloquio con un medico aiuterà a comprendere meglio i trattamenti disponibili.