Embolia gassosa Pediatria e neonatologia

Ricerca rapida di prodotti

Selezionare una categoria o una sottocategoria

Cos'è l'embolia gassosa?

L'embolia gassosa è principalmente causata dall'ingresso di bolle d'aria nel sistema vascolare, che porta a un blocco dei vasi sanguigni e quindi a effetti sistemici2,3.

L’embolia gassosa si può verificare:

  • in sistemi endovenosi aperti (per esempio attraverso perdita accidentale)
  • in infusioni parallele
  • in linee infusionali non propriamente riempite e ventilate

La quantità di aria in ingresso è influenzata dalla posizione del paziente. In posizione eretta il rischio aumenta quando l'altezza della vena è al di sopra del livello del cuore3,4,5. Le infusioni a gravità e le pompe di infusione collegate insieme possono creare una successione di fluido-aria-fluido, quando la pompa funziona a vuoto6. Inoltre, la gestione errata delle procedure di infusione a pressione aumenta il rischio di embolia gassosa7,8.

La maggior parte delle cause di embolia gassosa venosa sono prevenibili. Scopri come gli operatori sanitari possono ridurre significativamente il rischio e perché questo è un compito particolarmente importante in pediatria.

Perché l’embolia gassosa è un rischio in pediatria?

Nei bambini e soprattutto nei prematuri e nei neonati, quantità minime di aria possono causare embolia gassosa con conseguenze fatali9. I pazienti pediatrici e neonatali affetti da forame ovale persistente (PFO) o dotto arterioso pervio (DA) sono particolarmente colpiti. Se l'aria passa attraverso il PFO o DA, esiste anche il rischio di embolia gassosa sistemica (arteriosa) oltre al rischio di embolia gassosa venosa10.

L'impatto di piccoli volumi d'aria possono comportare cambiamenti fisiologici quali10:

  • ostruzione vascolare polmonare meccanica
  • vasocostrizione polmonare
  • ipossiemia
  • incremento resistenza delle vie aeree
  • riduzione della compliance polmonare
  • ischemia miocardica

In neurochirurgia pediatrica, l'embolia venosa è più comune quando l'estremità della testa è al di sopra del livello del cuore, ad esempio in posizione seduta. Si riporta un'incidenza di questi casi nei bambini fino al 33%10,11.

L'ingresso di aria dipende dall'entità della pressione negativa sviluppata tra il sito di ingresso e il cuore destro. Pertanto, la posizione seduta rappresenta un rischio particolare di embolia gassosa. Tuttavia, l'ingresso di aria è possibile anche in altre posizioni chirurgiche se esiste il potenziale per un gradiente di pressione negativa10.

Oltre alla neurochirurgia, sono riportati casi di embolia gassosa nei bambini durante procedure diagnostiche radiologiche artrografia, arteriografia, mielografia cisternale e pneumoencefalografia10.

„Di nove casi riportati di embolia gassosa in bambini durante queste […] procedure, sono morti sette pazienti.(10)“

Come ridurre il rischio di embolia gassosa nei bambini?

In pediatria, la prevenzione o il rapido trattamento dell’embolia gassosa è estremamente importante. Uno stretto monitoraggio è fondamentale per prevenire infiltrazione di aria fino a che un volume critico di aria provochi disastrosi danni fisiologici10.

Per minimizzare il rischio per i tuoi piccoli pazienti, si sono dimostrati efficaci alcuni prodotti e raccomandazioni sulla gestione.

Garantire una posizione del paziente in cui la vena interessata si trova al di sotto del livello del cuore aiuta a ridurre il rischio, quando possibile. La posizione Trendelenburg o supina è preferibile per l'applicazione di cateteri venosi centrali3,4.

Un separatore d'aria chiuso all'accesso del paziente riduce il rischio di embolia gassosa durante l'infusione. Due membrane in PTFE idrofobiche da 0,02 µm prevengono l'embolia gassosa indipendentemente dalla posizione del filtro endovenoso in linea.

Le valvole a tre vie del bypass poste nel tubo del sifone ascendente devono essere utilizzate nelle infusioni parallele. Per le infusioni a gravità, utilizzare valvole antireflusso. Ultimi ma non meno importanti, i moderni set per infusione con tecnologia air stop aiutano a prevenire l'embolia gassosa.

Vuoi saperne di più sulla prevenzione dei rischi in pediatria e neonatologia? Chiedi ai nostri esperti.

B. Braun Milano S.p.A.
Via Vincenzo da Seregno 14
20161 Milano
Italia

Vuoi saperne di più sulla prevenzione del rischio di embolia gassosa nei pazienti di tutte le età? Per maggiori informazioni consulta la letteratura di seguito riportata.

[1] Ho AMH. Is Emergency Thoractomy Always the Most Appropriate Immediate Intervention for Systematic Air Embolism After Lung Trauma? Chest. 1999;116(1):234-7.

[2] McCarthy C, Behravesh S, Naidu S, Oklu R. Air Embolism: Practical Tips for Prevention and Treatment. Clin Med. 2016;5(11):93.

[3] Cook LS. Infusion-related air embolism. J Infus Nurs 2013;36(1):26-36.

[4] Gabriel J. Infusion therapy. Part two: Prevention and management of complications. Nurs Stand 2008;22(32):41-8.

[5] Lee PT, Thompson F, Thimbleby H. Analysis of infusion pump error logs and their significance for health care. Br J Nurs 2012;21(8):12-20.

[6] Obermayer A. Physikalisch-technische Grundlagen der Infusionstechnik – Teil 2. Medizintechnik 1994;114(5):185-190.

[7] Zoremba N, Gruenewald C, Zoremba M, Rossaint R, Schaelte G. Air elimination capability in rapid infusion systems. Anaesthesia 2011;66(11):1031-4.

[8] Suwanpratheep A, Siriussawakul A. Inadvertent venous air embolism from pressure infuser bag confirmed by transesophangeal echocardiography. J Anesthe Clinic Res 2011;2(10).

[9] Levy I, Mosseri R, Garty B. Peripheral intravenous infusion – another cause of air embolism, Acta Paediatr. 1996 Mar;85(3):385–6.

[10] Porter SS, Boyd RC, Albin MS. Venous air embolism in a child undergoing posterior fossa craniotomy: a case report. Can Anaesth Soc J. 1984 Jan;31(1):86-90.

[11] Sriganesh K, Mittal M, Jadhav T. Venous Air Embolism. Journal of Neurosurgical Anesthesiology 2016 Jan;28(1):85-6.