Terapia infusionale Antinfettivi

Ricerca rapida di prodotti

Selezionare una categoria o una sottocategoria

Sei un operatore sanitario?

Cliccando 'Confirm" dichiari di essere un operatore sanitario.


Se sei un paziente o un giornalista visita le pagine a te dedicate.

Confirm Cancel

Terapia infusionale con anti-infettivi

Le infezioni contratte dall'uomo sono causate da agenti infettivi quali batteri, virus e funghi. Le infezioni possono essere trasmesse per via aerea, tramite sospensioni come quando si tossisce o per contatto con superfici non sterili. Durante la terapia infusionale non si può mai escludere il rischio di contaminazione delle soluzioni da parte di agenti patogeni e quindi è importante seguire scrupolosamente idonee norme igieniche e rispettare i protocolli interni ospedalieri. Le infezioni contratte durante la permanenza in ospedale richiedono una particolare attenzione in quanto possono essere causate da batteri altamente resistenti alle terapie. Le infezioni iatrogene sono in genere difficili da curare e possono comportare un grave rischio per il paziente e una degenza ospedaliera prolungata. Non tutti gli antibiotici sono idonei a contrastare tutti i batteri; gli antibiotici sono farmaci selettivi e pertanto la scelta di uno di essi va fatta in funzione dello specifico batterio che ha prodotto l'infezione.

Prescrizione

Prescrizione

Nella scelta del corretto antibiotico da utilizzare, occorre considerare il tipo di organismo  patogeno individuato da esami di laboratorio e lo spettro di azione del farmaco che si intende utilizzare. 

Accesso

Accesso

farmaci ad alta attività sono spesso disponibili solo come preparati per infusione endovenosa; allo stesso tempo le condizioni cliniche del paziente potrebbero impedire l’assunzione di farmaci per via orale. Quindi, per diverse ragioni, è necessario somministrarli per via endovenosa, richiedendo dunque un accesso venoso. Spesso è sufficiente un catetere periferico. 

CVC Tecnica Seldinger

Preparazione

Preparazione

Se il farmaco antinfettivo prescelto è disponibile “pronto all’uso”, non è necessario compiere manovre aggiuntive per la preparazione. In tutti gli altri casi, le sostanze antinfettive generalmente sono disponibili in polvere e devono essere ricostituite con acqua per preparazioni iniettabili, soluzione salina o glucosio al 5%. Le sostanze antinfettive non devono essere sversate né vaporizzate e dunque inalate dagli operatori sanitari in quanto ciò potrebbe comportare gravi conseguenze per la salute. 

Applicazione

Applicazione

Una volta che il farmaco antinfettivo è stato correttamente ricostituito e reso disponibile nel contenitore infusionale finale, si introduce il perforatore del set infusionale nel port del flacone e si effettua il riempimento del set. In base al regime infusionale che è previsto per il paziente, il set infusionale può essere collegato direttamente all’accesso del paziente o a un rubinetto a tre vie piuttosto che a una rampa. 

Dimissione

Dimissione

Terminato il periodo di ospedalizzazione, il paziente potrebbe ancora necessitare di una terapia infusionale endovenosa, per esempio per il controllo del dolore. Una corretta gestione della dimissione del paziente favorisce un’efficace continuità assistenziale.